Klimahouse 2017: le novità che ci sono piaciute

klimahouse 2017

Si è conclusa anche quest’anno Klimahouse 2017, fiera dedicata alla bioarchitettura e all’efficienza energetica applicata all’arte di abitare. Ottimi i dati registrati, con 37.000 visitatori e 460 espositori e un premio per le start up innovative del settore, il Start Up Award. La fiera ha ribadito il suo ruolo centrale di innovatore e di vetrina per le imprese, quindi vediamo alcune delle novità presentate che ci sono piaciute.

Klimahouse 2017: dai mattoni isolani ai velux intelligenti

Fra le tante novità presentate a Klimahouse 2017 ci hanno entusiasmato i Porotherm Revolution, di Wienerberger. Si tratta di una tramezza molto interessante, di un cappotto realizzato in laterizio ‘farcito’ di lana di roccia e di perlite. Il progetto mira ad aumentare l’efficientamento energetico e la coibentazione, assicurando al contempo la presenza di materiali buoni e rispettosi dell’ambiente.

E passiamo ai serramenti, con la soluzione  GGL, di Velux. Si tratta di una finestra realizzata in legno per i tetti a tripla protezione, in grado di resistere anche alle sollecitazioni più estreme perché forte di poter contare su vetri tripli, extra guarnizioni e su un isolamento del telaio potenziato.

E infine un progetto che, a parere nostro, diventerà presto una prassi applicata a tutte le costruzioni energeticamente efficienti. Se ne parlava da tempo, ma ora Ecoshower di Nicoll  ha tradotto in realtà la richiesta di molti strutturisti e impiantisti votati alla bioarchitettura. Si tratta di un recuperatore di calore per scarichi idrosanitari, di un sistema che lavora per recuperare l’energia altrimenti dispersa nell’ambiente e che aiuta a rendere più efficiente l’impianto, nonché a diminuire notevolmente i costi di gestione generali.

Queste le novità a nostro parere più interessanti di Klimahouse 2017, fiera che ha saputo approfondire i tempi della bioarchitettura e aprire nuovi orizzonti nel settore della costruzione, alla ricerca di soluzioni sempre più vicine all’ambiente e dalla parte degli abitanti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli Recenti

CALENDARIO DEI POST

aprile: 2018
L M M G V S D
« dic    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  
Klimahouse 2017: le novità che ci sono piaciute

klimahouse 2017

Si è conclusa anche quest’anno Klimahouse 2017, fiera dedicata alla bioarchitettura e all’efficienza energetica applicata all’arte di abitare. Ottimi i dati registrati, con 37.000 visitatori e 460 espositori e un premio per le start up innovative del settore, il Start Up Award. La fiera ha ribadito il suo ruolo centrale di innovatore e di vetrina per le imprese, quindi vediamo alcune delle novità presentate che ci sono piaciute.

Klimahouse 2017: dai mattoni isolani ai velux intelligenti

Fra le tante novità presentate a Klimahouse 2017 ci hanno entusiasmato i Porotherm Revolution, di Wienerberger. Si tratta di una tramezza molto interessante, di un cappotto realizzato in laterizio ‘farcito’ di lana di roccia e di perlite. Il progetto mira ad aumentare l’efficientamento energetico e la coibentazione, assicurando al contempo la presenza di materiali buoni e rispettosi dell’ambiente.

E passiamo ai serramenti, con la soluzione  GGL, di Velux. Si tratta di una finestra realizzata in legno per i tetti a tripla protezione, in grado di resistere anche alle sollecitazioni più estreme perché forte di poter contare su vetri tripli, extra guarnizioni e su un isolamento del telaio potenziato.

E infine un progetto che, a parere nostro, diventerà presto una prassi applicata a tutte le costruzioni energeticamente efficienti. Se ne parlava da tempo, ma ora Ecoshower di Nicoll  ha tradotto in realtà la richiesta di molti strutturisti e impiantisti votati alla bioarchitettura. Si tratta di un recuperatore di calore per scarichi idrosanitari, di un sistema che lavora per recuperare l’energia altrimenti dispersa nell’ambiente e che aiuta a rendere più efficiente l’impianto, nonché a diminuire notevolmente i costi di gestione generali.

Queste le novità a nostro parere più interessanti di Klimahouse 2017, fiera che ha saputo approfondire i tempi della bioarchitettura e aprire nuovi orizzonti nel settore della costruzione, alla ricerca di soluzioni sempre più vicine all’ambiente e dalla parte degli abitanti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli Recenti

CALENDARIO DEI POST

aprile: 2018
L M M G V S D
« dic    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30