Parliamo di sottomurazione

sottomurazione

Chi si appresta a ristrutturare o restaurare un’immobile deve, molto spesso, affrontare l’intervento di sottomurazione. Si tratta di rafforzare la struttura fondale prolungandola, con lo scopo di raggiungere gli strati di terreno più resistenti e consistenti e di aumentare l’area di base per diminuire il cosiddetto ‘carico unitario’.

Cautela è la parola d’ordine che viene impiegata nella progettazione e nella esecuzione della sottomurazione, perché questo intervento può causare problemi di instabilità, soprattutto alle strutture più elevate.

Tecnicamente, la sottomurazione viene eseguita in primo luogo puntellando le murature che si trovano al disopra della zona d’intervento. All’interno della muratura vengono quindi inserite delle travi, chiamate in gergo tecnico ‘somari’, che poggiano su sostegni posizionati in sezioni esterne ed interne alla stessa muratura.

Per non compromettere la stabilità dell’edificio gli scavi di sottomurazione vengono effettuati contemporaneamente su aree sufficientemente distanti fra di loro.

La procedura di sottomurazione

La procedura di sottomurazione è alquanto affascinante e prevede diverse fasi:

  • si definiscono i vuoti e i pieni nelle aree di lavoro;
  • iniziando dai vuoti si scava fino alle fondazioni esistenti e si armano le pareti mentre si approfondisce lo scavo;
  • si divide il cantiere in aree e si scava fino alla quota che diventerà la nuova fondazione;
  • si scava la vecchia fondazione e la si puntella e si esegue la nuova fondazione al disotto di quella vecchia.

Queste sono le fasi base della sottomurazione, che possono variare in base alle metodologie di progettazione alle modalità di lavoro delle stesse imprese. Si tratta di un’opera importante quanto interessante, che permette di stabilizzare l’edificio e che si lega fortemente alle nuove direttive sull’antisismica in edilizia.

Impresa Edile Baraldo propone servizi di ristrutturazione, restauro e nuova costruzione impiegando tecniche all’avanguardia e sfruttando l’esperienza acquisita nel corso degli anni. Vi invitiamo a contattare l’impresa per un sopralluogo e per richiedere un preventivo di spesa.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli Recenti

CALENDARIO DEI POST

maggio: 2018
L M M G V S D
« dic    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  
Parliamo di sottomurazione

sottomurazione

Chi si appresta a ristrutturare o restaurare un’immobile deve, molto spesso, affrontare l’intervento di sottomurazione. Si tratta di rafforzare la struttura fondale prolungandola, con lo scopo di raggiungere gli strati di terreno più resistenti e consistenti e di aumentare l’area di base per diminuire il cosiddetto ‘carico unitario’.

Cautela è la parola d’ordine che viene impiegata nella progettazione e nella esecuzione della sottomurazione, perché questo intervento può causare problemi di instabilità, soprattutto alle strutture più elevate.

Tecnicamente, la sottomurazione viene eseguita in primo luogo puntellando le murature che si trovano al disopra della zona d’intervento. All’interno della muratura vengono quindi inserite delle travi, chiamate in gergo tecnico ‘somari’, che poggiano su sostegni posizionati in sezioni esterne ed interne alla stessa muratura.

Per non compromettere la stabilità dell’edificio gli scavi di sottomurazione vengono effettuati contemporaneamente su aree sufficientemente distanti fra di loro.

La procedura di sottomurazione

La procedura di sottomurazione è alquanto affascinante e prevede diverse fasi:

  • si definiscono i vuoti e i pieni nelle aree di lavoro;
  • iniziando dai vuoti si scava fino alle fondazioni esistenti e si armano le pareti mentre si approfondisce lo scavo;
  • si divide il cantiere in aree e si scava fino alla quota che diventerà la nuova fondazione;
  • si scava la vecchia fondazione e la si puntella e si esegue la nuova fondazione al disotto di quella vecchia.

Queste sono le fasi base della sottomurazione, che possono variare in base alle metodologie di progettazione alle modalità di lavoro delle stesse imprese. Si tratta di un’opera importante quanto interessante, che permette di stabilizzare l’edificio e che si lega fortemente alle nuove direttive sull’antisismica in edilizia.

Impresa Edile Baraldo propone servizi di ristrutturazione, restauro e nuova costruzione impiegando tecniche all’avanguardia e sfruttando l’esperienza acquisita nel corso degli anni. Vi invitiamo a contattare l’impresa per un sopralluogo e per richiedere un preventivo di spesa.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli Recenti

CALENDARIO DEI POST

maggio: 2018
L M M G V S D
« dic    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031